📑 All’interno di questa pagina puoi ottenere il preventivo per la Certificazione Energetica in Toscana

Guarda il video e poi Compila il modulo (form) per ricevere sulla tua EMAIL il preventivo e la procedura per richiedere l’APE a partire da 40€ + iva anziché 250€  (offerta valida solo questa settimana)

  • Rispettiamo la tua privacy e odiamo lo SPAM come te.

freccia Perchè scegliere noi?

  • Garantiamo al cliente un servizio sicuro al 100% in quanto selezioniamo in modo rigoroso i Certificatori energetici con tutti i requisiti previsti per legge.
  • Esperienza nel settore, la nostra esperienza nel settore energetico è pluriennale e la mettiamo a tua disposizione.
  • Prezzi vantaggiosi e qualità del servizio sono il nostro slogan principale.

freccia Solo clienti soddisfatti

Abbiamo gestito oltre 15.000 richieste di certificazioni energetiche in 10 anni e redatto oltre 15000 Certificati APE, i nostri clienti sono affezionati a noi da anni e scelgono noi perché garantiamo un servizio sicuro, veloce e di qualità. Diffida dalle agenzie e siti web truffa affidati a noi, scegli l’esperienza ed evita multe fino a 18.000€ 

decreto legge apeINFORMAZIONI UTILI

freccia La certificazione energetica APE nella Regione Toscana

La Certificazione energetica APE per la Regione Toscana è un documento che, attraverso una scala di classificazione che va dalla classe A4 alle classe G, identifica le prestazioni energetiche e il consumo annuale di energia di un edificio o di un’abitazione, fornendo al cittadino il quadro energetico dell’immobile che sta per acquistare o affittare.

freccia APE in Toscana: riferimenti legislativi

Ripercorriamo insieme l’iter legislativo per la Regione Toscana:

  • Dal 1° luglio 2009 in tutta Italia era previsto l’attestato di certificazione energetica in caso di edifici di nuova costruzione e caso di affitto o vendita di immobili (articolo 6 del Dlgs 192/2005).

  • Le modalità, a livello nazionale, per la certificazione energetica degli edifici furono definite con il decreto ministeriale 26/06/2009 “Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”.

  • Il 18 marzo 2010 era entrata in vigore in Toscana una specifica disciplina regionale sulla materia: gli articoli da 23 a 23 sexies della legge regionale 39/2005 e il relativo regolamento regionale sulla Certificazione Energetica degli edifici(DPGR 25 febbraio 2010, n. 17/R) riguardante anche le locazioni.

  • Il decreto legislativo 28/2011, articolo 13, aveva dal 29/03/2011 imposto in tutta Italia che, sia nei casi di compravendita che di locazione, siano fornite all’acquirente o locatario durante la trattativa le informazioni sulla certificazione energetica dell’immobile.

  • Già con il decreto MISE 22/11/2012 (pubblicato su Gazzetta Ufficiale n. 290 del 13-12-2012) di modifica del decreto 26/06/2009 succitato, era stata abrogata la possibilità del proprietario di autodichiarare la pessima qualità energetica dell’edificio (possibilità inizialmente prevista dal paragrafo 9 dell’allegato A del DM 26/06/2009).

  • I soggetti che possono rilasciare la certificazione energetica degli edifici sono stati individuati inizialmente dall’allegato III al decreto legislativo 115/2008. A partire dal 12/07/2013 sono individuati dal DPR 16/04/2013 n. 75(vedi: chi è il certificatore energetico).

La Legge 90/2013 ha:

  • ampliato gli obblighi di certificazione energetica degli edifici;

  • prescritto che gli annunci di vendita e locazione degli immobili devono riportare la prestazione energetica degli stessi. Vedi: prestazione energetica negli annunci immobiliari;

  • imposto conseguenze pesanti per l’omissione degli obblighi e la mancanza dell’attestato;

  • rinominato l’attestato di certificazione energetica in “Attestato di Prestazione energetica” nonché previsto che lo stesso è firmato dal tecnico come “dichiarazione sostitutiva di atto notorio“;

  • il DL 23 dicembre 2013 n. 145 ha corretto alcune imprecisioni della L 90/2013 e sostituito una sanzione di nullità degli atti con una sanzione pecuniaria;

  • il DM 26 giugno2015  ha varato nuove linee guida nazionali sulla certificazione energetica in vigore dal 01/10/2015.

freccia Quando è obbligatorio l’APE?

Le disposizioni regionali (art. 23-bis della lr 39/2005 e articoli 3 e 4 del regolamento 17/2010) avevano ampliato il campo di obbligatorietà della Certificazione Energetica rispetto alla normativa nazionale originaria. Ora la Legge 90/2013 è andata in generale anche oltre quelle disposizioni.

Secondo il nuovo Dlgs 192/2005 riscritto dalla Legge 90/2013 e dal DL 145/2013 si devono dotare di APE gli edifici o le unità immobiliari:

  • costruiti (si segnala che la lettura completa della norma fa intendere per “costruiti” gli edifici/immobili di nuova costruzione);
  • sottoposti a “ristrutturazioni importanti” (vedi la definizione di “ristrutturazione importante” all’art. 2 del Dlgs) se tali lavori comportano il rilascio di un nuovo certificato di agibilità/abitabilità;
  • venduti (si segnala che la lettura completa della norma fa intendere nel “venduti” i trasferimenti a titolo oneroso in genere. Vedi al riguardo anche lo studio 07/08/2013 sull’A.P.E. pubblicato dal Consiglio Nazionale del Notariato)
  • locati ad un nuovo locatario.

freccia Vi sono esclusioni equivalenti alla normativa regionale:

  • gli edifici che risultano non compresi nelle categorie di edifici classificati sulla base della destinazione d’uso di cui all’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, il cui utilizzo standard non prevede l’installazione e l’impiego di sistemi tecnici di climatizzazione, quali box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi;
  • gli edifici industriali e artigianali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici del processo produttivo non altrimenti utilizzabili.

freccia Vi sono esclusioni più ampie della normativa regionale:

  • edifici rurali non residenziali non solo se riscaldati dal processo produttivo ma anche se semplicemente sprovvisti di impianti di climatizzazione

  • i fabbricati isolati con una superficie utile totale inferiore non a 25 mq ma a 50 mq

  • anche gli edifici adibiti a luoghi di culto e allo svolgimento di attività religiose

freccia In quali città e comuni della Toscana operiamo?

Servizi e pratiche opera in tutte le città e comuni della Toscana (nessuna esclusa) guarda la lista:

COMUNE
   1.
FI

FIRENZE

   2.
PO

PRATO

   3.
LI

LIVORNO

   4.
AR

AREZZO

   5.
PT

PISTOIA

   6.
PI

PISA

   7.
LU

LUCCA

   8.
GR

GROSSETO

   9.
MS

MASSA

 10.
MS

Carrara

 11.
LU

Viareggio

 12.
SI

SIENA

 13.
FI

Scandicci

 14.
FI

Sesto Fiorentino

 15.
FI

Empoli

 16.
FI

Campi Bisenzio

 17.
LU

Capannori

 18.
PI

Cascina

 19.
LI

Piombino

 20.
LU

Camaiore

 21.
PI

San Giuliano Terme

 22.
LI

Rosignano Marittimo

 23.
PI

Pontedera

 24.
SI

Poggibonsi

 25.
LI

Cecina

 26.
PI

San Miniato

 27.
PT

Quarrata

 28.
FI

Bagno a Ripoli

 29.
AR

Montevarchi

 30.
LU

Pietrasanta

 31.
FI

Figline e Incisa V.

 32.
FI

Fucecchio

 33.
LU

Massarosa

 34.
AR

Cortona

 35.
SI

Colle di Val d’Elsa

 36.
PT

Monsummano Terme

 37.
GR

Follonica

 38.
FI

Pontassieve

 39.
PT

Montecatini-Terme

 40.
FI

Lastra a Signa

 41.
PT

Pescia

 42.
FI

Signa

 43.
PO

Montemurlo

 44.
FI

Borgo San Lorenzo

 45.
FI

Calenzano

 46.
PT

Agliana

 47.
FI

Castelfiorentino

 48.
FI

San Casciano in VdP

 49.
AR

San Giovanni Valdarno

 50.
LI

Collesalvetti

224.
SI

Chiusdino

225.
MS

Bagnone

226.
LU

Castiglione di G.

227.
AR

Monterchi

228.
PI

Montecatini Val di C.

229.
PI

Santa Luce

230.
PI

Riparbella

231.
SI

San Casciano dei Bagni

232.
PT

Sambuca Pistoiese

233.
LU

Villa Basilica

234.
SI

Radda in Chianti

235.
SI

Monticiano

236.
GR

Isola del Giglio

237.
AR

Caprese Michelangelo

238.
GR

Castell’Azzara

239.
LU

San Romano in G.

240.
PI

Chianni

241.
GR

Monterotondo Marittimo

242.
PI

Lajatico

243.
LU

Villa Collemandina

244.
AR

Sestino

245.
SI

Trequanda

246.
PI

Guardistallo

247.
GR

Montieri

248.
FI

Palazzuolo sul Senio

249.
FI

San Godenzo

250.
PI

Casale Marittimo

251.
SI

Radicofani

252.
GR

Semproniano

253.
AR

Badia Tedalda

254.
LU

Molazzana

255.
LU

Sillano Giuncugnano

256.
MS

Zeri

257.
AR

Talla

258.
MS

Casola in Lunigiana

259.
GR

Seggiano

260.
GR

Roccalbegna

261.
SI

Radicondoli

262.
LU

Vagli Sotto

263.
AR

Chitignano

264.
AR

Ortignano Raggiolo

265.
LU

Fabbriche di Vergemoli

266.
PI

Monteverdi Marittimo

267.
MS

Comano

268.
PI

Orciano Pisano

269.
LU

Fosciandora

270.
LU

Careggine

271.
AR

Montemignaio

272.
LI

Sassetta

273.
LI

Capraia Isola

freccia Modello APE utilizzato a partire dal 2015

A partire dal 1º ottobre 2015, si è dotata di un nuovo modello per l’Attestato di Prestazione Energetica (DDUO n. 6480 del 30 luglio 2015), così come riportato in figura:

fac simile ape
modello-ape-regione

freccia Quali sono i dati riportati nel nuovo APE?

  • dati dell’immobile: destinazione d’uso, oggetto dell’attestato, dati identificativi e servizi energetici presenti;
  • prestazione energetica del fabbricato: la sezione riporta l’indice di prestazione energetica non rinnovabile (EPgl,nren) in relazione al fabbricato e dei servizi energetici presenti, ma anche la prestazione energetica del fabbricato, al netto del rendimento degli impianti presenti. Questo indice identifica la classe energetica dell’unità immobiliare, che va da A4 (edificio più efficiente) a G (edificio meno efficiente);
  • prestazione energetica degli impianti e consumi stimati: la sezione riporta l’indice di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile, nonchè una stima dell’energia consumata annualmente dall’immobile secondo un uso standard;
  • interventi migliorativi raccomandati: questa sezione contiente gli interventi raccomandati ai fini di un miglioramento delle prestazioni energetiche dell’unità immobiliare e il conseguente risultato conseguibile in termini di classe energetica;.
  • altri dati di dettaglio del fabbricato e degli impianti inseriti dal certificatore nelle schermate del software di calcolo;